..sarà diabete? Scopri i 9 sintomi più comuni del diabete

..sarà diabete? Scopri i 9 sintomi più comuni del diabete

sintomi del diabete

In questo articolo ti parleremo di quali sono i 9 sintomi più comuni del diabete e di come riconoscerli facilmente.

Prima di parlare di sintomi, tuttavia,  è importante innanzitutto ricordare che che Il diabete non è uguale per tutti.

Spesso hai sentito parlare del diabete di tipo 1 e tipo 2, quello della gravidanza (diabete gestazionale), quello dell’adulto, quello del bambino 1 .… Ma cosa significa tutto questo?

Le sintomatologie possono essere diverse e talvolta imprevedibili, determinando spesso confini poco definiti tra i diversi tipi di diabete. Solo un’attenta anamnesi ed esami mirati possono stabilire con certezza la diagnosi. Un tempo si pensava ad esempio che, se diagnosticato in età infantile, inevitabilmente si avesse a che fare con il diabete tipo 1. Ora si è scoperto che non necessariamente è così.

Solo il 10% dei casi di diabete appartiene infatti a questa categoria. Nel restante 90% si tratta di diabete di tipo 2, diffuso purtroppo anche tra i giovanissimi 1 .

Si può comunque provare a fare una suddivisione generale 1 , che, ricordiamo, non può essere univocamente definita da regole ferree.

Diabete tipo 1Diabete tipo 2
diagnosi spesso in età infantilediagnosi spesso oltre i 30-40 anni
non associato a sovrappesospesso associato a sovrappeso
spesso associato a eccesso di chetoni nel sanguespesso associato ad ipertensione e/o ipercolesterolemia
trattamento con iniezioni di insulina o con  microinfusoretrattamento inizialmente conservativo o con compresse

Ma quali sono questi sintomi?

Quando arriva la diagnosi di diabete, ecco che molte delle sintomatologie a cui probabilmente non avevi dato peso diventano all’improvviso chiare e si uniscono in un unico filo comune.

Come detto, i sintomi possono essere decisamente marcati o appena sfumati in base alla gravità della malattia, al tipo di diabete, e da quanto tempo esso ci accompagna. Alcune persone con diabete di tipo 2 presentano infatti sintomi così lievi da passare inosservati 1 .

Che cosa può succedere al nostro corpo, quando il glucosio nel sangue si accumula in eccesso a causa del diabete?

Vediamo QUALI sono i 9 sintomi che lasciano sospettare una diagnosi di diabete 2.

9 sintomi caratteristici che potrebbero indicare la presenza di diabete

  • Urinare troppo spesso: probabilmente il sintomo più comune nella persona con diabete. Un’eccessiva quantità di glucosio nel sangue può causare pollachiuria, ossia una minzione troppo frequente. Questo perché il nostro corpo cerca di espellere il glucosio in eccesso attraverso le urine. Se poi il sonno è interrotto da più di due risvegli per andare in bagno (nicturia), forse è opportuno approfondirne le cause col proprio medico curante.
  • Sete eccessiva: la disidratazione dovuta all’aumento della minzione ha come conseguenza il desiderio e la necessità di bere di più (polidipsia), creando una sorta di circolo vizioso: disidratazione –> aumento della minzione –> aumento della sete
  • Perdita di peso: può sembrare un controsenso, essendo il sovrappeso uno dei fattori di rischio del diabete…ma se il glucosio non può essere utilizzato, il nostro organismo è obbligato a cercare fonti energetiche alternative, come le proteine muscolari e i grassi.
  • Stanchezza, irritabilità: dato che il nostro corpo non può attingere l’energia di cui ha bisogno nel modo corretto, ci si può sentire stanchi e affaticati. Addirittura l’eccesso di glucosio nel sangue può mimare i sintomi di una depressione!
  • Nausea e vomito: il diabete non trattato può portare a chetoacidosi diabetica. Il nostro corpo brucia i grassi producendo come scarto sostanze dette chetoni, che si accumulano nel sangue, provocando nausea e vomito (raro comunque nelle persone con diabete tipo 2).
  • Infezioni frequenti (vescica, pelle e aree vaginali): l’iperglicemia favorisce deficit del sistema immunitario, patologie dei piccoli e grandi vasi sanguigni e diminuzione dell’attività antibatterica dell’urina, aumentando il rischio e la frequenza di infezioni.
  • Visione sfocata: le fluttuazioni dei livelli di glucosio nel sangue possono portare a una visione offuscata. Non allarmarti però…se noti dei disturbi alle strutture oculari, contatta il tuo diabetologo o oculista per un controllo specifico. Ad una diagnosi precoce seguono spesso dei suggerimenti  mirati ad ottenere un miglior controllo della glicemia. 
  • Tagli / lividi lenti a guarire: per favorire  il processo di cicatrizzazione, le cellule necessitano del glucosio, disponibile solo se l’insulina è presente o può svolgere correttamente il proprio lavoro 2
  • Formicolio, dolore o intorpidimento di mani / piedi: l’eccesso di glucosio nel sangue determina la sofferenza del sistema nervoso periferico, fino ad esordire in vere e proprie neuropatie nel diabete controllato in maniera inadeguata. .

Quali sono quindi le cause del diabete?

Purtroppo i fattori di rischio e le cause e che portano al diabete di tipo 1 non sono ancora ben conosciute, a parte il forte legame con la storia familiare e alcune infezioni o malattie del pancreas a seguito delle quali possono svilupparsi fenomeni autoimmuni. Non sono state trovate invece correlazioni con lo stile di vita e con il peso del paziente 3.

I fattori di rischio per il diabete di tipo 2 sono invece molti e ben noti 3:

  • Sovrappeso e obesità
  • Ipertensione
  • Resistenza all’insulina
  • Livelli elevati di trigliceridi e bassi livelli di colesterolo “buono” (HDL)
  • Stile di vita sedentario
  • Insorgenza del diabete gestazionale durante una gravidanza
  • Storia familiare
  • Etá
  • Sindrome delle ovaie policistiche

Come agire con il diabete?

Diabete Tipo 1

In questa forma, dato che il pancreas non lavora correttamente, è necessaria la terapia medica con iniezioni di insulina più volte al giorno o l’uso di una pompa di insulina (altrimenti nota come microinfusore). I valori del glucosio nel sangue devono poi essere regolarmente monitorati. Sono inoltre essenziali:

  • una corretta alimentazione
  • uno stile di vita sano

per ridurre l’impatto delle complicanze renali, circolatorie o visive. L’adozione di un corretto stile di vita e una sana alimentazione è assolutamente fondamentale, come per ognuno di noi, ma non sufficiente da solo a gestire la malattia 2.

Diabete di tipo 2

La buona notizia in questo caso è che per molte persone è sufficiente uno stile di vita sano ed una corretta alimentazione per mantenere i livelli di glucosio nella norma, per altre invece può essere necessario ricorrere a farmaci ed integratori per aiutare un po’ l’organismo 2.

Il suo sviluppo e le complicanze ad esso connesse possono comunque essere evitate se il diabete viene gestito correttamente fin dagli esordi.

Come scegliere cosa mangiare?

Qualunque tipo di diabete tu abbia, é importante imparare a riconoscere gli alimenti per capire COME mangiare! Devi assicurare al tuo organismo un apporto regolare ed equilibrato  di proteine, carboidrati e grassi sani.

Inoltre, per gestire al meglio il diabete, è importante:

  • mangiare pasti regolari e distribuiti  in modo uniforme nell’arco della giornata
  • assumere alimenti poveri in grassi, soprattutto grassi saturi
  • se assumi farmaci, potrebbe essere necessario fare uno spuntino tra i pasti

E soprattutto, NON affidarti al fai da te. Ogni persona ha le sue esigenze e necessità! Un giovane sportivo avrà altri fabbisogni rispetto ad una persona in pensione con uno stile di vita sedentario …

Chiedi quindi consiglio al tuo medico per capire quale programma alimentare sia più adatto alle tue abitudini di vita e alla tua condizione fisica attuale.

2017-08-07T17:48:02+00:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questo argomento interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile:
-->