Alimentazione nelle persone con diabete: consigli pratici

Alimentazione nelle persone con diabete: consigli pratici

Alimentazione nelle persone con diabete: consigli pratici

La componente principale dell’approccio al diabete è la selezione dei cibi da assumere. Il concetto non implica una dieta estremamente riduttiva e frustrante ma anzi punta a un regime alimentare sano, equilibrato e gratificante.

Molto interessante, a questo proposito, è l’opinione del Dr. Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista di Milano, il quale alla domanda “Quello che si consiglia oggi per una persona in buono stato di salute in termini di quantità e qualità degli alimenti può essere consigliato anche ai soggetti diabetici con eventuali personalizzazioni dovute alle specifiche condizioni di salute?”

Il diabete è una patologia con diverse cause ma lo stile di vita e le abitudini a tavola hanno un ruolo determinante. Perciò si deve mangiare in maniera diversa rispetto a queste (ndr.della maggioranza della popolazione) abitudini sbagliate.
Se per mangiare in modo diverso intendiamo diversamente da come una persona dovrebbe mangiare secondo i consigli alimentari moderni, basati sulle evidenze scientifiche, allora la risposta  è no. 

La regola è, quindi, semplice: mangiare sano ma con gusto!

Mangiare i grassi giusti: la dieta mediterranea

Più che limitare i grassi nella dieta, si dovrebbero assumere i grassi giusti, preferendo, ad esempio, condimenti come l’olio di oliva (acidi grassi monoinsaturi) ad altri tipi di olii e soprattutto al burro o alla margarina, o tipologie di pesce come l’aringa, il salmone, lo sgombro (grassi omega-3).

Un buon apporto di frutta e verdura, inoltre, aiuta a fare incetta di vitamine e antiossidanti. Un consiglio: scegli sempre frutta e verdura di stagione; lascia che il tuo organismo si fonda armoniosamente con i tempi dettati dalla natura.

Ottima anche l’aggiunta dell’aglio, in quanto fluidifica il sangue.

Frutta, verdura, aglio, olio, pesce sono i pilastri su cui si basa la dieta mediterranea, nominata nel 2010 “Patrimonio immateriale dell’umanità dall’Unesco”

Ma… la pasta?

Nel trattare di dieta mediterranea non si può non pensare – con un certo languorino – a un piatto di pasta, aglio, olio e peperoncino….
Ma la pasta? La si può mangiare?
In realtà, i carboidrati amidacei (amidi presenti in pane, pasta, patate) non contengono una quantità elevata di grassi e riempiono rapidamente lo stomaco. Attenzione solo a non sbilanciare l’apporto di carboidrati consigliato in un pasto.

Una dieta equilibrata: Consigli pratici

In linea di massima – ma si ricordi che ogni persona deve essere considerata nella sua individualità, con le sue esigenze specifiche che solo il medico curante sa valutare attentamente – le linee guida per un regime alimentare equilibrato sono le seguenti:

Consumare almeno 5 porzioni di frutta e verdura cercando di variarne i colori e quindi l’apporto vitaminico: ad esempio, verde (insalate, sedano), arancione (carote, albicocche), rosso (radicchio, rapa, pomodoro). Da limitare i frutti più zuccherini (banane, cachi, uva, fichi).

Prediligere cereali integrali ai raffinati, come un piatto di pasta integrale ormai ampiamente pubblicizzata e distribuita in tutte catene di supermercati, in quanto non incidono immediatamente sulla glicemia e grazie alle fibre presenti aumenta il senso di sazietà e regola l’assorbimento lipidico.

Inserire nella dieta, almeno tre volte a settimana, i legumi (piselli, ceci, fagioli) che contengono fibre e proteine di alta qualità, in grado di nutrire tessuti e organi corporei.

Il pasto perfetto

Il pasto ideale per una persona che vuole preservare la propria salute – e tra queste includiamo anche coloro ai quali è stato diagnosticato il diabete – dovrebbe contenere:

– Primi piatti semplici con pasta o riso integrali accompagnati da sughi naturali, poco conditi: ad esempio aglio, olio extravergine di oliva con l’aggiunta di pomodorini freschi tagliati finemente o legumi come ceci e piselli;

Verdura e frutta, prediligendo quella meno ricca in zuccheri;

Acqua minerale e bibite non zuccherate.

Ultimo consiglio, ma non per importanza: cerca di ridurre anche le porzioni, un cibo salutare, come banalmente può essere un’insalata, fa male se assunto in elevate quantità.

2016-07-12T10:12:24+00:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questo argomento interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile:

I prodotti correlati a questa tematica

Abbiamo ideato i prodotti Angolo del Diabetico, ascoltando i vostri bisogni con l'intento di migliorare la quotidianità della tua vita e contrastare l'insorgenza delle complicanze del diabete. Se questo articolo è stato di tuo interesse, scopri i prodotti correlati con un semplice click.