10 cibi da evitare se hai il diabete: scopri quali sono

10 cibi che dovresti evitare se hai il diabete – Scopri quali sono

10 cibi che dovresti evitare se hai il diabete – Scopri quali sono

cibi da evitare diabete

Non tutti i cibi sono uguali, lo sappiamo bene: alcuni aiutano il nostro organismo a mantenersi giovane e in forma, altri contengono alte quantità di zuccheri o grassi e possono concorrere allo sviluppo di diverse patologie legate all’aumento di peso, al colesterolo o alla pressione alta.

Seguire un corretto regime alimentare è una buona abitudine per tutti, ma risulta ancora più necessario per le persone affette da diabete, perché un’alimentazione sana aiuta ad evitare molte complicanze dovute alla malattia.

In questa lista puoi trovare alcuni dei cibi da evitare per gestire al meglio gli effetti del diabete: non pensare che l’alimentazione sia, per un diabetico, un’operazione noiosa e senza gusto. Non è affatto così! Sono molte le alternative gustose che non hanno nulla da invidiare alle scelte alimentari che fai di solito: spesso a fare la differenza è il modo in cui questi cibi sono cotti o conditi.

Dalla colazione alla cena, quali sono i cibi da evitare per un diabetico

  1. Bevande al caffè con dolci e guarnizioni: una semplice tazza di caffè macchiato con un po’ di latte o una tazza di caffè d’orzo possono essere bevande a basso contenuto calorico perfette per una persona diabetica. Se spesso ti lasci tentare da bevande al caffè che hanno più l’aspetto di un dessert, con guarnizioni alla panna e topping al cioccolato, che ne aumentano a dismisura l’apporto calorico, cerca di fare attenzione a quello che scegli. Anche se ne bevi solo una tazzina, le calorie possono rapidamente arrivare ad eguagliare quelle di un pasto completo. Meglio puntare sulla semplicità e al limite preferire una golosa tazza di tè aromatizzato alla frutta.
  2. Brioche e croissant: la prima colazione è un punto cruciale della tua dieta quotidiana, ma spesso i ritmi frenetici possono portare a consumare questo pasto al bar piuttosto che in casa. L’effetto è quello di doversi “adattare” alla classica brioche, certamente molto golosa, ma anche ricca di burro e quindi di grassi saturi. Anche se un semplice croissant potrebbe sembrare innocuo a livello di calorie, l’American Diabetes Association suggerisce di assumere meno del 7% di grassi saturi all’interno del computo calorico dell’intera giornata e un cornetto mangiato al bar potrebbe portarti a uno sbilanciamento questa percentuale. Meglio fare colazione a casa con una tazza di cereali e uno yogurt magro.
  3. La frittura di pesce: se hai sempre ritenuto che il pesce fosse un ottimo alimento da inserire in una dieta sana, non ti sbagli, ma anche il tipo di cottura è essenziale per mantenere sani gli alimenti che assumi. Alla tipica frittura di pesce o al filetto di merluzzo gratinato e condito con tanto formaggio e olio, sarebbe preferibile una cottura più semplice: al forno o magari al vapore. Una frittura di pesce con totani, gamberetti e merluzzi può arrivare a pesare fino a 1.300 calorie sulla tua giornata, per non parlare dell’enorme quantità di sodio, pari a quasi 3.000 milligrammi. Se si tiene presente che una persona diabetica dovrebbe assumere un massimo di 1.500 milligrammi di sodio al giorno, la sproporzione può essere allarmante. Un buon sistema per alzarsi da tavola sazi e mangiare in modo equilibrato consiste nel seguire questa regola: riempire metà del piatto con verdure, un quarto con carboidrati e l’altra porzione restante con proteine come quelle del pesce.
  4. Succhi di frutta: bevande come nettari e succhi di frutta sono tra i peggiori nemici del diabete, perché costituiscono un vero e proprio concentrato di zuccheri. Non tutti i succhi, però, sono così pericolosi, perché esistono anche linee di prodotti a basso contenuto calorico e con pochi zuccheri. Il modo migliore è sceglierli leggendo l’etichetta, che ti informa sui valori nutrizionali e ti permette di scegliere in modo corretto, oppure preferire una spremuta di frutta fresca.
  5. Una cena cinese: a differenza di quanto si potrebbe pensare, non tutto il cibo cinese è da eliminare quando si pensa ad una dieta corretta. La cucina asiatica, infatti, è ricca di cibi sani ed equilibrati, ma meglio evitare piatti combinati e ricchi di grassi e carboidrati come il tipico pollo in salsa agrodolce accompagnato dal riso bianco al vapore. Il pollo con la sua salsa apporta già più di 400 calorie e 43 grammi di carboidrati, mentre il riso può arrivare ad aggiungere altre 200 calorie e 44 grammi di carboidrati. Meglio scegliere piatti a base di verdure e cotture al vapore.
  6. Le classiche patatine fritte: non sorprende affatto che questo tipico cibo da fast food sia in questa lista. Le patatine fritte, infatti, sono cariche di grassi saturi, sodio e calorie e anche se alcuni ristoranti propongono “patatine senza grassi”, si tratta comunque di un cibo troppo ricco calorie, grassi e carboidrati. Se possibile, sarebbe sempre meglio sostituire questo alimento con altri altrettanto nutrienti ma più salutari, come  verdure crude o al vapore, anch’esse ottime da sgranocchiare.diabete_e_mal_di_schiena
  7. Biscotti confezionati: il biscottino ripieno di un sottile strato di crema al cioccolato, che potrebbe a prima vista sembrare un innocuo spezza-fame, è, in realtà, un concentrato di grassi saturi, dato che burro, glucosio e altri grassi idrogenati sono gli elementi più comuni utilizzati dall’industria alimentare. Inutile sprecare calorie per un singolo biscottino, meglio preferire dolci fatti in casa con ingredienti più sani come farina integrale, frutta e una manciata di frutta secca.
  8. Pollo fritto: come tutte le fritture, anche il pollo fritto, quello tipico alla KFC per intendersi, è nemico di qualsiasi regime alimentare corretto. La frittura, infatti, ha quantità eccessive di carboidrati, sodio e grassi, oltre ad apportare un eccesso di calorie nel calcolo giornaliero. Meglio un petto di pollo arrostito alla piastra, per soddisfare il palato e non esagerare in termini calorici.
  9. La torta da pasticceria: se pensi che mangiare una fetta di torta acquistata in pasticceria possa essere più sano di un dessert confezionato industriale, rischi di commettere un errore. Una singola fetta di torta può arrivare a contenere fino a 650 calorie, 46 grammi di grassi e 52 grammi di carboidrati. Anche tra le torte gelato che si trovano in commercio al supermercato le proporzioni  sono simili, ma ci sono valide alternative a basso contenuto calorico in commercio. Altrettanto golose, abbattono l’apporto di zuccheri, grassi e calorie. Il segreto è sempre leggere l’etichetta prima di posare qualcosa nel carrello e raggiungere la cassa.
  10. Un panino farcito: il tradizionale panino imbottito diventa spesso l’alternativa ad un pranzo completo per chi è molto impegnato e ha poco tempo per sedersi a tavola. Le carni lavorate come prosciutto, salame e mortadella, però, sono molto ricche di sodio, arrivando a contare fino a 650 milligrammi per porzione. Meglio scegliere condimenti a ridotto contenuto di sodio, ormai comunemente in commercio, sempre accompagnati da verdure e pomodoro, per equilibrare anche l’apporto vitaminico. Un panino sano è facilissimo da preparare anche se soffri di diabete, ti basterà scegliere con attenzione i tuoi condimenti.
2017-10-26T13:44:36+00:00 Francesco

Pubblicato il: 26 ottobre 2017