Conta carboidrati e insulina: come regolarsi con l’alimentazione

Conta carboidrati e insulina: come regolarsi con l’alimentazione

Conta carboidrati e insulina: come regolarsi con l’alimentazione

Un paziente con diabete ha come priorità il conteggio dei carboidrati (tecnica del counting), che deve effettuare a ogni pasto, per poter calcolare l’entità del rialzo glicemico provocato da un pasto a prevalente contenuto di carboidrati, e di compensarlo in maniera adeguata con l’insulina.
La tecnica del counting si basa su un presupposto importante: l’aumento della glicemia dopo un pasto misto è dovuto al quantitativo di carboidrati presenti, di conseguenza la dose di insulina prima del pasto deve essere proporzionale al contenuto di carboidrati del pasto stesso.

Ecco perché è così importante che la persona con diabete conosca la quantità di carboidrati assunti in ciascun pasto.

Questa attività potrebbe apparire titanica ma in realtà non lo è, perché è tutta una questione di routine.

La tecnica perfetta per il conteggio dei carboidrati

Il primo passo verso l’apprendimento della tecnica corretta di conteggio dei carboidrati è saperli distinguere. Una volta individuati, occorre conoscerne il peso e sapere qual è il loro contenuto percentuale di carboidrati.

Ma andiamo per gradi.

Dove si trovano i carboidrati

Li troviamo nei seguenti alimenti:

  • Cereali (pane, pasta, cracker, grissini);
  • Frutta;
  • Verdura e tuberi (patate e patate dolci);
  • Birra e alcuni superalcolici;
  • Dolci;
  • Alimenti che terminano in “-osio”, come saccarosio, glucosio, destrosio, maltosio, fruttosio, ecc.

Quanti carboidrati?

Una volta individuati i carboidrati, si deve fare una stima della loro presenza nel pasto, che può essere effettuata attraverso:

  • La lettura delle etichette dei prodotti, che riportano il contenuto in gr. di carboidrati di una porzione di alimento;
  • Elenchi e/o ricette presenti su libri o siti internet (a patto che siano fonti affidabili);
  • Bilancia e tabelle nutrizionali: si confronta il peso in grammi dell’alimento e la percentuale di carboidrati contenuta in quel cibo secondo la formula: Peso totale (gr.) × % di carboidrati specifica per ciascun alimento / 100 = gr. di carboidrati contenuti nel cibo

Esempio:
100 gr. di mela contengono 13 gr. di carboidrati, cioè il 13%.

Con 250 gr. di mela si avrà
250 gr. × 13 / 100 = 32.5 gr. di carboidrati.

Esempio di menu: 

Ipotizziamo un menu composto da:

1 pizza con pomodoro media (peso 60 gr x 41,4 gr di carboidrati contenuti in 100 gr di pizza e quindi / 100 = 24,8 gr di carboidrati)

1 bicchiere di coca cola 150 x 100 /100 = gr

Quanta insulina è necessaria

Occorre poi contare quante unità di insulina sono necessarie per il pasto. Per saperlo, è fondamentale conoscere il rapporto insulina/carboidrati, cioè quanti grammi di insulina vengono bruciati nel nostro organismo da una unità. Il dato è soggettivo e va stabilito dal diabetologo

Ipotizziamo un rapporto carboidrati/insulina pari a 14 (ogni unità di insulina brucia 14g di carboidrati) e consideriamo il menu che abbiamo preso a titolo di esempio e avremo: 

174,8 gr di carboidrati assunti / 14 (rapporto carboidrati /insulina) =   12, 4 unità di insulina necessarie.

Il totale dei carboidrati assunti –o da assumere durante il pasto- viene diviso per la quantità in grammi di carboidrati coperti da una unità di insulina per ottenere il n° di unità di insulina necessarie.

Nuovi strumenti

La persona con diabete assume gradualmente la capacità di riconoscere a occhio nudo pesi e misure degli alimenti che sta per assumere. Ma all’inizio, quando si deve prendere dimestichezza con le pratiche che assicurano una buona gestione della malattia, è preferibile dotarsi di una bilancia e imparare a leggere nel dettaglio le etichette degli alimenti.

2016-06-24T12:38:00+00:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questa pagina interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile:

I prodotti correlati a questa tematica

Abbiamo ideato i prodotti Angolo del Diabetico ascoltando i vostri bisogni con l'intento di migliorare la quotidianità della tua vita e contrastare l'insorgenza delle complicanze del diabete. Se questo articolo è stato di tuo interesse, scopri i prodotti correlati con un semplice click.