Il diabete può ridurre la fertilità? Uomo e Donna

In questo articolo, parleremo di diabete e fertilità sia nell’uomo che nella donna. Infatti, non tutti sono al corrente del fatto che, se la patologia diabetica non viene trattata e gestita quotidianamente, nella maniera corretta e consigliata dagli esperti, potrebbe avere alcuni effetti sulla capacità del nostro organismo di essere fertile. Di seguito, nella lettura, presenteremo più nel dettaglio le complicazioni sia per gli uomini che per le donne.

Diabete e fertilità

Fertilità

Se il diabete è mal controllato, esso condiziona l’iperglicemia sostenuta nel tempo. Questa è la causa principale che innesca la comparsa di altri fattori che rendono difficile per una donna una gravidanza. Condizioni come l’insulino-resistenza e l’obesità possono favorire disturbi dell’ovulazione e amenorrea, come avviene nella sindrome dell’ovaio policistico. Tuttavia, le donne con diabete, adeguatamente controllate e curate, hanno una fertilità normale e possono portare a termine una gravidanza senza nessuna complicazione.

Negli uomini con diabete, invece, la fertilità è generalmente ridotta rispetto al resto della popolazione. Il diabete mal controllato e mal gestito, può portare a problemi ai testicoli, con diminuzione della qualità e della quantità di spermatozoi, disturbi dell’eiaculazione e disfunzione erettile. Sempre per gli uomini, il diabete ha un impatto negativo sulla salute dello sperma e può causare un invecchiamento precoce come conseguenza dell’aumento dello stress ossidativo nell’ambiente spermatico. In questo contesto, anche i rischi di trasmissione di alterazioni genetiche alla prole possono essere maggiori. Tuttavia, un controllo adeguato e continuo della propria condizione consente di avere meno probabilità di presentare i fattori che causano infertilità.

Pertanto, come per qualsiasi altro aspetto, anche in questo caso, il controllo della patologia diabetica è fondamentale. Dobbiamo ricordare che un ottimo controllo del diabete riduce la probabilità di presentare alterazioni della fertilità sia femminile che maschile, motivo per cui, oltre allo scambio continuo di informazioni con il diabetologo oppure il medico di fiducia, è fondamentale anche seguire uno stile di vita attivo ed una dieta sana.

Come migliorare la fertilità nelle persone con diabete

  • fertilita nelle donneMantenere un peso adeguato.
  • Monitorare regolarmente i livelli di glucosio.
  • Se si sta pianificando una gravidanza (per le donne), la glicemia dovrebbe essere compresa tra 80-100 mg/dL a stomaco vuoto e prima dei pasti. Invece 1 o 2 ore dopo aver mangiato, dovrebbe essere compresa tra 120-140 mg / dL.
  • Pratica esercizio fisico con regolarità.
  • Monitorare la dieta. Le quantità devono essere determinate dall’endocrinologo, che consiglierà un adeguato apporto calorico.
  • Evitare tabacco, alcol e droghe.
  • Per le donne andare a consulti medici di Endocrinologia e Ginecologia, al fine di effettuare tutte le valutazioni necessarie per garantire le migliori condizioni di salute per raggiungere la gravidanza.
  • Valutare anche i farmaci ricevuti e, se necessario, apportare modifiche al fine di rimuovere quei farmaci incompatibili con una possibile gravidanza.

Il supporto di una dieta sana per una migliorare la fertilità

Alimentazione sana fertilita

Come anticipato, per ridurre la comparsa di disturbi legati alla fertilità bisogna mantenere un ottimo controllo della patologia diabetica e questo non può distaccarsi dal rispetto di un’alimentazione sana e corretta. Di seguito alcuni consigli.

Assumere i carboidrati

I carboidrati dovrebbero costituire meno della metà delle calorie che bisogna assumere. La maggior parte dei carboidrati, infatti, si trova negli alimenti amidacei o zuccherati come ad esempio: pane, riso, pasta, cereali, patate, mais, frutta, succhi di frutta, latte, yogurt, biscotti, caramelle, bibite e altri dolci. Tuttavia, i carboidrati integrali sono ricchi di fibre vitamine e minerali e possono essere un’opzione molto più salutare. Questi includono:

  • Pane o cracker integrali;
  • Cereali integrali;
  • Avena;
  • Legumi
  • Riso integrale o crusca;
  • Pasta integrale;
  • Verdure amidacee come mais e piselli.

Verdure

Le verdure sono estremamente salutari e bisognerebbe consumarne da 3 a 5 porzioni al giorno. Si può scegliere tra verdure fresche o surgelate senza aggiunta di salse, grassi o sale. 

Frutta

Consumare da 2 a 4 porzioni al giorno. Una buona idea per consumare la frutta può essere: frutta intera al posto dei succhi, in quanto contengono più fibre, ed assumere (ovviamente in base alle stagioni) gli agrumi, come arance, pompelmi e mandarini.

Latte e latticini

I latticini sono una grande fonte di proteine e calcio, pertanto, consigliamo di consumare 4 porzioni al giorno di prodotti magri. Le opzioni lattiero-casearie salutari includono:

  • Latte o yogurt magro o scremato.
  • Evitare lo yogurt con dolcificanti artificiali o zuccheri aggiunti.

Proteine (Carne, Pesce, Fagioli, Uova e Noci)

Carne Proteine

Consumare da 2 a 3 porzioni al giorno. Le opzioni proteiche salutari includono:

  • Pesce e pollame.
  • Tagli magri di manzo, vitello o maiale.

Per quanto riguarda la preparazione, essa può essere fatta al forno, alla griglia o bollita. Gli alimenti di questo gruppo sono ottime fonti di vitamine del gruppo B, proteine, ferro e zinco.

Grassi

L’assunzione di cibi grassi dovrebbe essere limitata in generale. Pertanto, è sicuramente consigliato diminuire l’utilizzo di burro, margarina, condimenti per insalata, olio da cucina e dessert ed evitare i prodotti ricchi di grassi saturi, come hamburger, formaggio e pancetta. Tuttavia, la giusta regola sta sempre nella via di mezzo, pertanto, non è corretto eliminare completamente grassi e oli dall’alimentazione. I grassi, infatti, forniscono energia per la crescita e sono essenziali per lo sviluppo del cervello del bambino. Consigliamo, quindi, di usare oli sani come colza, oliva, arachidi e girasole ed includere nell’alimentazione noci, avocado e olive.

2021-07-27T11:41:34+02:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questo argomento interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile: