Diabete di tipo 2: le cause, i sintomi e la terapia

Diabete di tipo 2: le cause, i sintomi e la terapia

Diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 è la forma più comune di questa patologia ed è tipica dell’età adulta. Si manifesta quando l’organismo non riesce a produrre l’insulina sufficiente per poter regolare i livelli di glucosio nel sangue (si parla in questo caso di deficit di insulina), oppure quando l’insulina prodotta non agisce nel corpo in modo corretto (si parla invece di insulino-resistenza).

In entrambi i casi la conseguenza è l’iperglicemia, cioè l’aumento della concentrazione di glucosio nel sangue. La differenza fondamentale con il diabete di tipo 1 riguarda la dipendenza dall’assunzione di insulina: nel diabete di tipo 2, infatti, l’iniezione di insulina esterna non è di importanza vitale come lo è nel diabete di tipo 1, dove è appunto indispensabile.

Le cause

Alla base del diabete possono esservi cause di varia natura, a partire da fattori ereditari non ancora ben definiti che però, secondo gli studi, sembrerebbero esporre maggiormente alla patologia alcuni soggetti, alcune famiglie e addirittura alcune popolazioni.

Le altre cause del diabete riguardano invece gli aspetti della persona, come l’obesità, che porta l’individuo a non produrre insulina in quantità sufficiente per poter assorbire gli zuccheri. Anche altri fattori legati allo stile di vita hanno un’influenza negativa, come la vita sedentaria e lo stress.

Inoltre, l’alterazione di valori come la pressione, il colesterolo e i trigliceridi, è un grosso fattore di rischio che rende più predisposti a sviluppare il diabete di tipo 2.

Tutti questi fattori, in presenza di una predisposizione ereditaria, possono accelerare lo sviluppo della patologia. Infine, ad incidere può essere anche l’età: invecchiando, gli organi del corpo iniziano a non rispondere più prontamente alle richieste di insulina.

I sintomi

La sintomatologia legata al diabete di tipo 2 non è evidente come quella del diabete di tipo 1, per cui spesso si scopre di essere diabetici solo casualmente, magari durante un controllo di routine.

Quando evidenti, i sintomi più frequenti sono:

  • necessità di urinare spesso, anche durante la notte;
  • sete continua;
  • forte sensazione di stanchezza;
  • vista offuscata;
  • perdita di peso improvvisa o immotivata.

Proprio perché non è così semplice identificare il diabete di tipo 2 – si stima che solo in Italia le persone con diabete non diagnosticato siano circa 1 milione – è importante fare gli opportuni controlli: anche una semplice misurazione della glicemia in farmacia può essere sufficiente per identificare casi a rischio.

La terapia

La regola più importante nella terapia del diabete di tipo 2 è seguire una corretta alimentazione e praticare attività fisica. È necessario affidarsi ad uno specialista che possa individuare la dieta adatta, pensata su misura in base alle caratteristiche della singola persona con diabete. La dieta e l’esercizio fisico sono due attività che vanno entrambe messe in atto, insieme, e aiutano il controllo del peso e la riduzione del glucosio nel sangue.

Se e quando questo non basta, lo specialista può associare alla dieta anche una terapia con l’assunzione di farmaci chiamati ipoglicemizzanti orali, capaci di abbassare i livelli glicemici e di aumentare la quantità di insulina prodotta in modo spontaneo o la sua efficacia sull’organismo.

Nei casi in cui anche con i medicinali non si riesca a raggiungere i livelli ottimali di glicemia, si passa alla somministrazione esterna dell’insulina tramite iniezione.

Il controllo della glicemia è un’azione che il paziente con diabete dovrebbe compiere regolarmente, anche in casa più volte al giorno con uno strumento come il glucometro, per accertarsi di avere sempre i valori nella norma e per poter vivere con serenità una patologia che, se ben gestita, consente di avere una vita come tutti gli altri e persino di compiere imprese straordinarie, come ci dimostra la partecipazione di Luca Vanni all’incredibile gara dell’Ironman.

2016-11-14T10:00:26+00:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questa pagina interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile: