Ipoglicemia notturna: quando è asintomatica

Ipoglicemia notturna: quando è asintomatica

Ipoglicemia notturna: quando è asintomatica

L’ipoglicemia consiste in un rapido abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue, che si attesta al di sotto della soglia di normalità (70 mg/dL).

Le ipoglicemie notturne, che possono scatenarsi durante il sonno, sono le più temute dalle persone con diabete e dai loro familiari, soprattutto per quanto riguarda i più piccoli.
Non è, infatti, facile accorgersi del loro manifestarsi: il 74% delle ipoglicemie asintomatiche si verifica di notte.

I sintomi rivelatori consistono in confusione, incubi, mal di testa o tachicardia durante la notte o al risveglio, ma sono difficilmente identificabili durante le ore del sonno.

La percezione di un episodio di ipoglicemia è molto soggettiva, per questo andrebbe accompagnato sempre da un controllo della glicemia. La si può sospettare, ad esempio, se la glicemia prima di colazione è bassa, e la si conferma attraverso test della glicemia effettuati a intervalli regolari durante la notte.

Può accadere anche che la presenza di sintomi accentuati facciano intuire un episodio grave che invece dal punto di vista clinico è lieve.

Grazie alla ricerca in campo farmacologico, l’adesione scrupolosa alla terapia con insulina e l’impiego del microinfusore possono essere di grande aiuto nel ridurre l’eventualità di ipoglicemie notturne per la cui gestione ti rimandiamo all’articolo scritto in precedenza.

2016-09-27T20:23:33+00:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questa pagina interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile:

I prodotti correlati a questa tematica

Abbiamo ideato i prodotti Angolo del Diabetico ascoltando i vostri bisogni con l'intento di migliorare la quotidianità della tua vita e contrastare l'insorgenza delle complicanze del diabete. Se questo articolo è stato di tuo interesse, scopri i prodotti correlati con un semplice click.