Diabete e Natale, i migliori consigli per goderselo

Diabete e Natale, i migliori consigli per goderselo

Durante le festività ed in particolare durante il Natale, si verificano dei cambiamenti dello stile alimentare rispetto alla normale routine quotidiana. La cadenza della tradizione natalizia può determinare, infatti, per la persona con diabete, un maggiore rischio di trascurare una serie di linee guida che vengono seguite durante tutto l’anno. Il diabete non deve, però, diventare un limite quando si tratta di godersi le festività, la famiglia, gli amici e i momenti di relax accompagnati da una tavola imbandita e tanto buon cibo. Leggendo l’articolo potrete, infatti, trovare molti consigli utili su come godervi le feste. 

Come mantenere il controllo dell’alimentazione durante il Natale

È importante prendere decisioni che aiutino a gestire i livelli di glucosio e a mantenere un peso corretto.1 Seguendo una dieta sana, un’attività fisica adeguata ed un monitoraggio frequente, come si è soliti fare tutti i giorni dell’anno, si possono, infatti, affrontare questi giorni di festa con tranquillità.

mangiare-col-diabete

In particolare, si possono scegliere cibi appropriati per ridurre le probabilità che si verifichino complicanze durante le feste di fine anno. Ecco alcuni consigli:

Prima le verdure.

Durante la cena di Natale e Capodanno non far mancare un’insalata o un piatto di verdure.

Sono piatti ipocalorici che aiutano a gestire i livelli di glucosio.2

Sarebbe, tra l’altro, preferibile consumarli come primo piatto, in quanto aiutano ad aumentare il senso di sazietà. 

Cibi senza carboidrati.

A Natale scegli i cibi che non contengono carboidrati, ma proteine ​​e grassi come formaggi e frutti di mare. 

La maggior parte dei piatti natalizi come pasta, lasagne, purea, riso, budino e i contorni con cui sono accompagnati, contengono carboidrati. Evita i cibi stagionati, accompagnati da pane o patate che contengono carboidrati. 

Se proprio vuoi, consuma i “piatti forti”, che contengono molti carboidrati, in piccole porzioni.

L’ American Diabetes Association raccomanda, per esempio,un consumo da 45 a 60 grammi di carboidrati in ogni tipo di cibo. Tuttavia è, sempre, più opportuno verificare con il proprio medico le porzioni che si possono includere per gestire al meglio i livelli di glucosio.

“I grassi possono risultare meglio dei carboidrati”.

Le portate che includono carne, pollo o pesce non aumentano i livelli di glucosio, ma sarebbe meglio scegliere quelli cotti al vapore, al forno o alla griglia, evitando cibi fritti o stagionati che contengono maggiori calorie.

pranzo di natale e diabete

È buona cosa, quindi, prestare attenzione alla modalità con cui sono preparati i piatti! Molti alimenti sono, infatti, preparati con salse dolci o hanno un alto contenuto di grassi e possono causare un aumento del glucosio, oltre che dell’apporto calorico. Non dimenticare, quindi, che anche un maggior consumo di grassi può provocare maggiori difficoltà nel controllo del glucosio postprandiale.2

Per questo è importante non superare le quantità raccomandata dal nutrizionista. 

Dessert?

I dessert contengono zuccheri ad assorbimento rapido.

panettone e diabete

A Natale si possono scegliere piccole porzioni che contengono meno di 20 grammi di carboidrati e tenerne conto nella quantità di carboidrati totali che si possano consumare quotidianamente. Si può verificare con il proprio medico o con il proprio diabetologo come sia possibile regolare la dose di insulina per gestire i livelli di glucosio.

A Natale monitorati di più

  • È necessario controllare il proprio livello di glucosio prima di iniziare a mangiare e 2 ore dopo i pastiSi tende, di solito, a pensare che, mentre si mangia qualcosa di diverso, sia giusto sentirsi liberi. Tuttavia, una delle grandi responsabilità prima di mangiare è conoscere il proprio livello di glucosio per prendere le decisioni più corrette.
  • Se il piatto che hai mangiato è ricco in carboidrati e/o grassi, è bene controllare il glucosio anche dalle 3 alle 5 ore dopo, apportando le modifiche necessarie alla terapia diabetica.

monitorare il diabete

In generale, ciò che mangiamo ha un effetto sul glucosio durante le 2 ore dopo. Tuttavia, un pasto ricco in carboidrati e grassi provoca un rallentamento nell’assorbimento dei carboidrati quindi l’effetto dell’aumento del glucosio può durare anche da 3 a 5 ore.

Rimanere attivi a Natale.

Normalmente, abbiamo l’idea che le vacanze siano dedicate al riposo. Al contrario, sono il momento perfetto per poter essere più attivi, avendo più tempo a disposizione per fare attività fisica.

Non dimenticare…

  • Fare pasti piccoli e ravvicinati e regolare i farmaci o il trattamento con insulina.
  • Rimanere idratati.
  • Riposare, poiché i disturbi del sonno possono causare un aumento del glucosio.
  • Fare attenzione all’alcol che può causare ipoglicemia: parlatene con il vostro medico.
  • Tenersi informati. Ricorda che è importante andare regolarmente dal proprio medico e dal proprio nutrizionista se vuoi risolvere i tuoi dubbi!

Godiamoci queste vacanze in salute e condividiamo il meglio di noi  con i nostri cari! 

Buon Natale a tutti e Felice Anno Nuovo!

2019-12-14T11:14:41+01:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questo argomento interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile: