L’Olio d’oliva ed i suoi benefici

Dieta e stile di vita sono essenziali per prevenire e controllare il diabete. In questo senso, i benefici di un’alimentazione sana ed equilibrata sono stati ampiamente dimostrati. In particolare, proprio la nostra dieta mediterranea si distingue come la più salutare per il nostro organismo. Uno dei protagonisti fondamentali della nostra tavola è l’olio d’oliva, da cui possono derivare parecchi benefici. Leggi l’articolo per saperne di più.

I benefici dell’olio d’oliva per la salute

cucina mediterranea

L’olivo d’oliva è stato una delle basi dell’agricoltura nei paesi del Mediterraneo, con grande importanza economica e sociale. L’olio d’oliva, derivato dal suo frutto (le olive appunto), può essere classificato in diversi tipi in base alla sua qualità.

Il più pregiato è il cosiddetto olio di oliva extravergine, che offre indubbi benefici per il mantenimento della salute. Ci sono studi che dimostrano questi benefici in patologie come il cancro, in particolare del polmone e dello stomaco (anche del colon, dell’endometrio e dell’ovaio).

Non di meno l’olio risulta benefico in altre patologie, come quelle gastrointestinali come ulcera peptica, calcoli biliari e motilità gastrica.

Inoltre, è risultato altamente benefico anche per il sistema cardiovascolare, in patologie come quella coronarica, l’ictus e l’ipertensione arteriosa. Alcuni studi hanno evidenziato un suo ruolo cruciale anche nell’artrite reumatoide, dove l’olio d’oliva riduce il rischio di sviluppo e ne migliora l’evoluzione.

L’olivo d’oliva e la sua storia

L’olivo d’oliva fu diffuso probabilmente dai romani e dagli arabi ed è stato la base dell’agricoltura pluviale nei paesi del bacino del Mediterraneo per più di mille anni, insieme a rotazioni di cereali, legumi e vigneti.

Olivo

È generalmente un sistema di produzione basato sull’eccellente adattamento della pianta alle condizioni di siccità della sua area di crescita. Per dare un’idea, in termini di numeri, attualmente l’area coltivata è di oltre 9 milioni di ettari, con oltre 700 milioni di alberi, sparsi in varie regioni del mondo, ma situati principalmente nel bacino del Mediterraneo.

Fondamentalmente, l’oliveto coltivato è dedicato alla produzione di olio e solo in minima parte alla produzione di olive da tavola.

Un alleato contro il diabete?

Vari studi scientifici hanno dimostrato che l’assunzione giornaliera di olio extra vergine di oliva, può ridurre i problemi vascolari, che possono derivare dal diabete mellito. 

Inoltre, è stato dimostrato che i suoi effetti benefici influenzano direttamente la glicemia, riducendo i livelli di glucosio nel sangue, così come i livelli di colesterolo LDL.

Olio extravergine d'oliva

In particolare, nelle persone in buono stato di salute, il consumo di olio d’oliva può ridurre i livelli di glucosio nel sangue fino al 12%. Il consumo ottimale giornaliero è di circa 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva crudo.

Inoltre, l’olio extra vergine di oliva è noto per essere ricco di polifenoli sani, uno di questi è l’idrossitirosolo, di cui parleremo più avanti. Questa molecola è in grado di ridurre e prevenire problemi vascolari e i trigliceridi nelle persone con  diabete.

L’olio d’oliva e i livelli di glucosio

Secondo uno studio dell’Università Sapienza di Roma, l’oleuropeina, un componente dell’olio extra vergine di oliva riduce i livelli di glucosio nel sangue dopo i pasti e, quindi, apre nuove prospettive per combattere il diabete. Le pubblicazioni sul “British Journal Clinical Pharmacology”, ci informano sui i risultati di questa ricerca.

Questa sostanza, sarebbe in grado di ridurre la glicemia postprandiale (livelli di glucosio nel sangue dopo i pasti).

In questo studio, gli esperti si sono concentrati su un campione di persone sane che hanno ricevuto 20 mg di oleuropeina durante un pasto tipico italiano.

cucina italiana

Due ore dopo il pasto, i ricercatori hanno osservato una riduzione significativa della glicemia, solo nei partecipanti che hanno assunto 20 mg di oleuropeina.

Questa ricerca apre nuove prospettive per combattere il diabete con sostanze naturali, proprio come l’oleuropeina, presente non solo nell’olio, ma anche nelle foglie di ulivo.

Prevenire una patologia come il diabete e, con essa, le sue complicanze alle arterie, è particolarmente importante durante i pasti, poiché l’aumento della glicemia postprandiale stimola la produzione di insulina che, a lungo termine, può facilitare l’insorgenza del diabete, nelle persone predisposte.

Secondo Francesco Violi, autore dello studio, “numerosi studi hanno dimostrato che i picchi postprandiali di glucosio e colesterolo sono potenzialmente dannosi nei pazienti a rischio di complicanze aterosclerotiche, pertanto la riduzione dell’entità potrebbe fornire benefici nel trattamento dell’aterosclerosi e le sue complicanze come infarti o ictus”.

Che cos’è l’idrossitirosolo?

Gli scienziati di dell’Università di Malaga, integrati nell’Istituto di ricerca biomedica della città andalusa (IBIMA), in collaborazione con esperti del “Consejo Superior de Investigaciones Científicas” (CSIC), hanno dimostrato gli effetti benefici dell’idrossitirosolo.

Il consumo giornaliero di idrossitirosolo, un polifenolo presente nell’olio di l’oliva extra vergine, può ridurre o potrebbe, addirittura, prevenire i problemi vascolari derivati ​​dal diabete mellito.

Per apprezzare i vantaggi dell’idrossitirosolo, si deve assumere l’olio extra vergine d’oliva crudo in quantità giornaliera di circa 30 o 40 millilitri, cioè 3 cucchiai circa.

Olio d'oliva

L’idrossitirosolo è un composto fenolico con proprietà antiossidanti che si trova naturalmente nelle olive e nell’olio d’oliva. Numerosi studi hanno già messo in evidenza alcuni suoi benefici effetti:

  • riduzione del rischio di malattie cardiovascolari;
  • la prevenzione della comparsa di alcuni tipi di cancro;
  • la presenza di proprietà antinfiammatorie e antinfettive.

In conclusione, viviamo in un paese ricco di storia e di sapori. Riscoprire i sapori ed i cibi di una volta, sono tutte buone abitudini per ritornare ad uno stile di vita sano ed equilibrato. I cibi semplici e naturali, che derivano dalle nostre terre, sono alimenti buoni, che aiutano il nostro organismo e sarebbe bene non rinunciarci. Adottare queste scelte, in ambito alimentare, aiuta a fare prevenzione, troppo spesso sottovalutata, ed a scongiurare patologie e complicanze che possono crearci seri problemi nel nostro quotidiano.

2020-06-19T17:43:32+02:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questo argomento interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile: