Piede Diabetico – Scopri come riconoscerlo e cosa fare

Piede Diabetico – Scopri come riconoscerlo e cosa fare

piede diabetico

Oggi vogliamo parlarti di una delle problematiche più angoscianti e impattanti per i soggetti colpiti da Diabete: il Piede Diabetico. Come abbiamo accennato nella “lista di cose da fare per gestire il diabete”, particolare attenzione, in fase di gestione del diabete, va prestata ai piedi. Infatti il Piede Diabetico è una delle complicanze più diffuse del diabete e si stima che il 15% delle persone con diabete sarà probabilmente soggetta, nel corso della sua vita, a delle lesioni al piede che potranno richiedere specifiche cure mediche. Partiamo quindi dalla definizione di “piede diabetico”, per addentrarci successivamente nelle indicazioni per riconoscerlo e trattarlo al meglio.

Cos’è il piede diabetico? Quali sono i sintomi del piede diabetico?

Con l’espressione “piede diabetico” ci si riferisce comunemente all’insieme di lesioni ai piedi determinate dal malfunzionamento dell’apparato cardiovascolare e del sistema nervoso, che comprende la funzionalità degli arti inferiori.

Questo significa che il piede diabetico altro non è che una delle diverse manifestazioni correlate al diabete, le quali vanno tenute sotto controllo medico in modo accurato..

Le modalità con cui si manifesta il piede diabetico sono varie, a seconda della persona e a seconda dello stadio della malattia.

Tra i sintomi più diffusi possiamo annoverare:

  • Formicolio e strane sensazioni ai piedi, simili a scosse elettriche: le persone con diabete riportano spesso episodi di improvvisi formicolii – soprattutto con riferimento alle ore notturne –  alle volte così continui ed intensi da interferire con il sonno. Le sensazioni avvertite sono quelle di punture di spillo, formicolio o solletico ai piedi e alle gambe e possono rivelarsi parecchio fastidiose..
  • Riduzione della sensibilità ai piedi (neuropatia sensitiva): il piede può diventare insensibile al tatto, al dolore, ai cambiamenti di temperatura e questo deve essere preso come un campanello d’allarme per rivolgersi tempestivamente al medico curante.
  • Calli ai piedi, indurimenti e vesciche: A causa della diminuzione della sensibilità dei piedi, è possibile si adottino posture scorrette nel camminamento che possono determinare l’ispessimento della pelle in alcune aree del piede (ipercheratosi) e/o la formazione di calli e vesciche proprio per cercare di difendersi dall’eccesso di carico.

Se il soggetto continua a non accorgersene e a non trattare le aree con queste lesioni, il rischio di portare un piccolo callo a infezioni, ulcere sanguinanti o cancrena in poco tempo aumenta notevolmente.

  • Tagli e lesioni alla cute: talvolta, a causa del malfunzionamento dell’apparato cardiovascolare e della derivata cattiva circolazione a livello degli arti inferiori, anche dei piccoli tagli possono degenerare in lesioni più estese e profonde.  In aggiunta, a determinare tagli e lesioni più estese e gravi può essere la mancata percezione di calli e vesciche.
  • Cicatrizzazione difficile: a causa della arteriopatia periferica precedentemente descritta (problemi a livello di circolazione), anche la cicatrizzazione può diventare più difficile e molto più lenta.
  • Deformazioni dei piedi: i danni neurologici derivanti dal diabete (neuropatia) possono portare ad una riduzione della forza muscolare che interessa, spesso, i muscoli anteriori della gamba.

La diminuita capacità muscolare può determinare un cambiamento della postura che si riversa sul peso esercitato nei vari punti del piede: può accentuarsi il cavismo del piede, i metatarsi possono diventare più prominenti e le deformità già presenti come l’alluce valgo possono accentuarsi, creando potenziali dolori e problemi nel camminare.

  • Alterazioni del colore dei piedi: i problemi circolatori a livello degli arti inferiori possono portare il piede a perdere il suo colorito naturale e a diventare più pallido, più rosso o tendente al bluastro.
  • Piedi costantemente freddi: il malfunzionamento cardiovascolare nelle aree inferiori del corpo può determinare anche una sensazione di freddo ai piedi. In questi casi è sconsigliato metterli a contatto ravvicinato con fonti di calore quali stufette perché si potrebbe, potenzialmente, non avvertire l’eccesso di calore e, quindi, arrecando dei danni cutanei dovuti all’eccesso di temperatura.
  • Infezioni batteriche e fungine al piede: l’eccesso di glucosio nel sangue influisce con il sistema immunitario della persona, predisponendo i soggetti con il diabete a maggiori rischi di funghi ed infezioni.

Se riscontri una o più delle situazioni sopra descritte e, ad oggi, non ti risulta di avere valori glicemici alterati, non esitare a rivolgerti subito al tuo medico: sarà lui a provvedere ad effettuare gli adeguati accertamenti per identificare se la causa dei tuoi sintomi sia il diabete o se i sintomi siano dovuti ad altri fattori o patologie.

Se, invece, stai già seguendo una terapia per trattare il diabete, ti può essere utile leggere i consigli sotto riportati, che puoi applicare quotidianamente a casa, integrandoli a tutti gli accorgimenti che il tuo medico curante ti ha prescritto.

Come trattare il piede diabetico

Le problematiche a cui si può andare incontro, come si evince dall’elenco dei sintomi più diffusi del piede diabetico, sono vere e proprie lesioni di natura ulcerativa (ferite), che si sviluppano solitamente nelle dita o nell’area plantare.

Queste lesioni possono, a loro volta, causare la cancrena (la morte di un tessuto o la decomposizione di una parte del corpo a seguito di un’interruzione del flusso di sangue al tessuto o alla parte del corpo interessata).

Una corretta diagnosi, una costante terapia ed una corretta prevenzione rivestono quindi un ruolo cruciale perché questi tre fattori contribuiscono a ridurre il fattore di rischio dei danni peggiori, che possono portare, in casi estremi, un’amputazione dell’arto.

Oltre al controllo periodico della glicemia e a tutti gli altri controlli che prescrive lo specialista curante, vi consigliamo degli accorgimenti da adottare in caso di piede diabetico.

Cosa fare, quindi, in caso di piede diabetico?

  • Mettere in atto sempre un’accurata igiene personale dei piedi
  • Lavare i piedi con acqua tiepida e sapone neutro (per evitare alterazioni a livello di PH e temperatura)
  • Asciugare sempre bene i piedi dopo ogni lavaggio, utilizzando asciugamani puliti e morbidi ed evitando eccessivi sfregamenti (la pelle delicata potrebbe ferirsi)
  • Indossare calzature comode e traspiranti ma ben imbottite, per proteggere il piede da eccessivi urti, potenzialmente dannosi e dolorosi
  • Indossare calzini di cotone puliti e cambiarli, possibilmente, più volte al giorno
  • Evitare l’utilizzo di forbicine per tagliare le unghie e preferire l’utilizzo della lima di cartone, più delicata
  • Utilizzare plantari che permettano il corretto appoggio del piede chiedendo però consulto a specialisti per evitare di peggiorare la situazione.
  • Controllare la pianta del piede con regolarità per vedere se siano presenti calli, vesciche o tagli
  • Fare esercizio fisico moderato e con calzature adeguate per favorire la circolazione sanguigna agli arti inferiori
  • Evitare di camminare scalzi e di tagliare o bucare vesciche
  • Evitare di esporre i piedi in modo diretto a fonti di calore molto forti (stufa, borsa dell’acqua calda, etc.)
  • Evitare di fumare (il fumo influisce sulla circolazione sanguigna e questo potrebbe peggiorare la situazione esistente dovuta alla patologia)
  • Cercare di evitare di indossare tacchi o calzature con la suola di legno
  • Mantenere la pelle idratata, morbida e liscia con prodotti appositi. In commercio esistono creme, schiume ed altri prodotti studiati per aiutare la prevenzione dei danni di cui abbiamo parlato e per trattare i piedi in caso di piccole lesioni. Per una panoramica ti rimandiamo alla nostra gamma di prodotti per il piede diabetico (link: https://www.angolodeldiabetico.it/complicanze/piede-diabetico/).

Ricapitolando, in caso di diabete è fondamentale seguire tutti i consigli dati dallo specialista curante e cercare di praticare quotidianamente gli accorgimenti sopra elencati, che contribuiranno a mantenere i piedi in buono stato e aiuteranno nella prevenzione di danni peggiori.

Se hai trovato interessante questo articolo e pensi possa essere utile ai tuoi contatti condividilo su Facebook e resta connesso con noi mettendo il like alla nostra pagina: pubblichiamo settimanalmente articoli per la prevenzione ed il trattamento del diabete.

2017-06-09T12:47:57+00:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questo argomento interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile:

I prodotti correlati a questa tematica

Abbiamo ideato i prodotti Angolo del Diabetico, ascoltando i vostri bisogni con l'intento di migliorare la quotidianità della tua vita e contrastare l'insorgenza delle complicanze del diabete. Se questo articolo è stato di tuo interesse, scopri i prodotti correlati con un semplice click.