Neuropatia: sintomi e prenotazione esami

Neuropatia: sintomi e prenotazione esami

Sintomi neuropatia e prenotazione esami

La “neuropatia” è una malattia dei nervi periferici che, a seconda delle fibre colpite, può provocare un rallentamento del passaggio degli impulsi elettrici e, di conseguenza, la perdita di sensibilità.

La neuropatia

Ve ne parliamo perché la neuropatia sensitivo-motoria è una complicanza abbastanza frequente del diabete, la cui gravità può variare da disturbi lievi a danni molto gravi.

Tali complicanze possono essere fortunatamente limitate dalle terapie, a patto che la diagnosi sia tempestiva.

È quindi importante che ne riconosciate i primi sintomi!

Sintomi della neuropatia

La neuropatia sensitivo–motoria si manifesta inizialmente con disturbi a carico degli arti – soprattutto inferiori -, come formicolio, intorpidimento (la sensazione più comunemente riportata è quella di avere le gambe ingessate), a volte anche bruciore e dolori che peggiorano di notte.

La mancanza di sensibilità – che è il sintomo più ricorrente – può far sì che una persona cammini per ore con scarpe scomode o al loro interno un corpo estraneo e magari ferirsi, senza accusare dolore, fino alla formazione di ulcere. 

Accertamenti: quali esami?

Generalmente è il vostro medico curante, una volta valutati i sintomi, a indirizzarvi verso gli esami diagnostici più adatti a valutare se sia in atto o meno una neuropatia.

Per valutare i sintomi, molti medici utilizzano questionari con domande che permettono una diagnosi a punteggio, un sistema semplice e standardizzato in grado di classificare anche i pazienti a rischio.

Il secondo passaggio è in genere un esame neurologico in grado di valutare la sensibilità e i riflessi, che suggeriamo sempre di effettuare al momento della diagnosi e annualmente, al fine di avere sempre la situazione sotto controllo.

Durante la visita neurologica sarete sottoposti a metodi diagnostici abbastanza semplici come lo studio sui riflessi e la sensibilità termica o dolorifica:

  • Martelletto: viene valutata la presenza di eventuali alterazioni nervose, picchiettando con il tradizionale martelletto, il polso, il ginocchio, il tendine di Achille, le caviglie e/o la pianta dei piede. 
  • Test del monofilamento: si registra qual è la percezione del contatto appoggiando, con sequenza casuale, un sottile filo di nylon su diversi punti prestabiliti della pianta del piede.

La presenza di neuropatia diabetica può essere rilevata anche attraverso:

  • Elettromiografia: per indagare la funzione del nervo o del muscolo);
  • Elettrocardiogramma: per valutare le variazioni della frequenza cardiaca);
  • Ultrabiotesiometro: un dispositivo medico portatile a pressione tarata per la valutazione della sensibilità vibratoria; questo esame viene effettuato anche in farmacia.

Ultimo consiglio – ma non meno importante! – occorre sottoporsi a pedicure regolarmente, per evitare la comparsa di situazioni sgradevoli e dolorose di difficile gestione.

2016-07-06T10:27:08+00:00 Redazione angolodeldiabetico.it
Hai trovato questa pagina interessante? Condividila ad un tuo amico a cui può tornare utile:

I prodotti correlati a questa tematica

Abbiamo ideato i prodotti Angolo del Diabetico ascoltando i vostri bisogni con l'intento di migliorare la quotidianità della tua vita e contrastare l'insorgenza delle complicanze del diabete. Se questo articolo è stato di tuo interesse, scopri i prodotti correlati con un semplice click.